imagealt

LA CULTURA DELLE DONNE PER UNA COLTURA SOSTENIBILE

Grazie all’Associazione “Soroptimist International Club” di Fermo e “COPAGRI Marche”, in collaborazione con l’IISS  “Carlo Urbani” di Porto Sant’Elpidio, con il contributo della Commissione Pari Opportunità della Regione Marche e della Camera di Commercio delle Marche,  con il Patrocinio della Città di Porto Sant’Elpidio, di Slow Food Condotta del Fermano, delle Commissioni per le Pari Opportunità della Provincia di Fermo e della Città di Porto Sant’Elpidio, si è realizzata un’importante iniziativa dal titolo La cultura delle donne per una coltura sostenibile. Finalità condivisa è quella di evidenziare l'impegno delle donne produttrici nel rispetto della biodiversità e dell’ambiente, identificare e valorizzare i prodotti a filiera corta, favorire lo sviluppo di piccole aziende guidate da donne per la creazione, in un approccio ambientale ecosostenibile, di prodotti di qualità dall'agricoltura, dall'allevamento o dal riciclo/riuso, nonché incoraggiare il consumo di tali prodotti.

La determinazione e l’impegno della Dirigente Scolastica del Polo “Urbani”, prof.ssa Laura D’Ignazi, e della prof.ssa Annalinda Pasquali, referente delle Pari Opportunità della scuola e vicepresidente Slow Food del Fermano, hanno permesso agli studenti dell’Alberghiero di essere protagonisti di un’esperienza altamente formativa. Il 7 Ottobre 2022 le classi 3A e 5C di Porto Sant'Elpidio e 3A di Sant'Elpidio a Mare sono state ospitate a Fermo, in contrada Girola, presso il meleto dell'azienda Ferracuti dove il prof. Fabio Taffetani, docente dell’Università Politecnica delle Marche, ha parlato loro di insetti impollinatori, del rapporto tra fioriture ed api, infine dell'importanza del cibo e dell'ambiente. A seguire la visita al meleto con degustazione di frutti.

L’11 Novembre 2022 altra giornata degna di nota per gli studenti dell’IISS “Carlo Urbani” di Porto Sant’Elpidio e per i loro docenti dell’indirizzo Enogastronomia e Ospitalità alberghiera: a loro infatti spetterà la preparazione della cena, rigorosamente a base di prodotti tipici del nostro territorio, che concluderà il progetto.

Il Polo “Urbani”, da sempre promotore delle pari opportunità, ha sottoscritto un protocollo con Slow Food, ulteriore testimonianza di una scuola che riconosce il suo valore non solo per mezzo di vacui insegnamenti, ma attraverso azioni concrete, efficaci, e culturalmente all’avanguardia.